La Russia contro Telegram: “Avete 15 giorni per darci i codici o verrete bloccati”

La Russia manda un vero e proprio ultimatum a Telegram. Due misere settimane per consegnare i codici di decriptazione dell’applicazione. Ciò consentirebbe ai servizi di sicurezza di Mosca di leggere e decifrare tutti i messaggi presenti su Telegram.

Il fondatore Durov però, si oppone fermamente dicendo che con il suo team si batterà per la libertà degli utenti. A tal proposito ecco il suo tweet che sta ottendendo i consensi di tutti.

Durov vuole mantenere solida la privacy e sicurezza della sua creazione e non scenderà a compromessi. Dall’altra parte la Russia ha chiaramente minacciato di bloccare e chiudere Telegram nel suo territorio. L’app andrebbe a perdere oltre 100 milioni di utenti, calcolando che Pavel Durov è proprio russo ed ha creato anche il social network più utilizzato in quello stato: VKontakte (o semplicemente VK). L’Fsb, i servizi segreti russi di cui fa parte anche Putin, avevano già chiesto in precedenza i codici lato server dell’app e dopo l’ennesimo rifiuto, la Corte Suprema russa è passata all’ultimatum che scadrà ad inizio aprile. E voi da che parte state? Scrive la vostra opinione nei commenti e vi aspetto al prossimo articolo 😉

Seguici su Telegram https://telegram.me/latelegramania telegram

Condividi l'articolo
  • 5
    Shares
Precedente I migliori bot di Telegram per chi ama viaggiare Successivo Piccolo aggiornamento per Telegram che arriva alla versione 4.8.5